Contattaci: (+ 39) 015 84 92 828

Benvenuti in Idroline Shop

0 items: 0,00 €

Trasporto gratuito per importi superiori a € 320,00

Sterilizzatori a sale per piscine

Sterilizzatori a sale per piscine

Sterilizzatori a sale - Elettrolisi salina: 

Gli Sterilizzatori a sale rappresentano  la novità più interessante e innovativa nel tema del trattamento dell’acqua di piscina da diversi anni a questa parte.

Dall’elettrolisi salina prodotta da queste apparecchiature, (Sterilizzatori o Clorinatori a sale), si ottiene la produzione di cloro utile per la disinfezione dell'acqua, senza doverlo trasportare od introdurre nell’acqua in forma di composti solidi o granulosi (Tricloro in pastiglie o Dicloro granulare) che contengono al proprio interno altre sostanze non sempre utili e positive.

Il cloro, dunque, viene prodotto proprio partendo dal sale.

Chimicamente, il “sale” non è altro che cloruro di sodio (NaCl), costituito da molecole di atomo di cloro e di sodio. Attraverso la cella dello Sterilizzatore a sale, la molecola viene scomposta scindendola in due ioni, uno negativo e uno positivo: lo ione cloro, Cl- (negativo) , e lo ione sodio, Na+ (positivo).

Una volta separati, gli ioni sono per così dire liberi di fare quello che vogliono e di ricombinarsi come gli pare, a seconda delle situazioni ambientali quali la distanza dagli elettrodi, il livello di agitazione dell’acqua, il tempo nel quale restano separati, il pH della soluzione, e così via.

Possono quindi restare separati per sempre e formare cloro gas (Cl2) e soda caustica (idrossido di sodio NaOH): in questo caso la piscina verrà disinfettata tramite cloro gas; oppure possono ricombinarsi tra loro e formare ipoclorito di sodio (NaClO): in questo caso la piscina verrà disinfettata tramite ipoclorito.

Più probabilmente, si formeranno entrambi i composti in un equilibrio dinamico.

Comunque sia, la piscina verrà disinfettata con cloro gas e/o ipoclorito di sodio, prodotto questo ultimo ben diverso dalla soluzione a base di ipoclorito che si trova in commercio, poiché molto più puro.

La differenza rispetto ai metodi tradizionali è comunque enorme, poiché non c’è più la necessità di stoccaggio e di trasporto dei prodotti chimici, con tutti i problemi legati alla sicurezza, e soprattutto non inseriamo più nell’acqua composti a base di cloro, ma cloro gas e ipoclorito puri, che formeranno semplicemente acido ipocloroso e nulla altro. Quindi, il cloro prodotto non contiene acido cianuricosoda e ulteriori "schifezze" presenti in prodotti d'importazione di scarsa qualità e dannosi alla salute che purtroppo siamo sempre più abituati a vedere.

A questo punto occorre anche fare una precisazione:

non è vero che il sale si ricombina e non si consuma. Se il sale è composto da Na e Cl e questi ioni li usiamo, per produrre Cloro gassoso (Cl2) o Idrossido di Sodio (NaOH) oppure Ipoclorito di Sodio (NaClO), non li avremo più a disposizione per riformare il sale.

Si riformerà solamente il cloruro che si forma quando viene introdotto ipoclorito di sodio nell’acqua, ma non di più.

Ispirato dalla natura, il Sistema di Disinfezione a Sale, attraverso il processo dell'elettrolisi salina, produce cloro dal sale  disciolto in acqua della piscina. Il sale necessario per il suo funzionamento deve essere presente a una concentrazione inferiore ai 5 g/l, variabile secondo le apparecchiature utilizzate, molto inferiore alla concentrazione del sale marino e simile a quella naturale del corpo umano (lacrime). Il bagnante percepisce una particolare gradevolezza dell'acqua trattata con questo sistema.

L'elettrolisi salina migliora l'acqua della piscina, evita lo stoccaggio di prodotti chimici e semplifica la manutenzione della piscina, con le caratteristiche offerte da un sistema di trattamento sicuro e completamente automatico.

Articoli da 1 a 15 di 19 totali

per pagina
Pagina:
  1. 1
  2. 2

Griglia  Lista 

Imposta ordine discendente

Articoli da 1 a 15 di 19 totali

per pagina
Pagina:
  1. 1
  2. 2

Griglia  Lista 

Imposta ordine discendente